Gambe pesanti, consigli per chi viaggia spesso

La malattia venosa cronica agli arti inferiori e i sintomi a essa correlati, come la pesantezza alle gambe, sono problemi particolarmente rilevanti per chi viaggia spesso e a lungo. Nelle persone colpite, infatti, le pareti di vene e capillari degli arti inferiori perdono la loro elasticità influenzando negativamente i meccanismi di ritorno del sangue verso il cuore. Ciò provoca un ristagno di sangue, causa di gonfiore, pesantezza, dolore, formicolii.

Perché in viaggio le gambe sono pesanti

Questi disturbi sono accentuati proprio durante i viaggi, in particolare in auto e aereo, a causa dell'immobilità protratta. Il sangue defluisce più agevolmente dalle gambe quando i loro muscoli sono mantenuti in funzione. Tuttavia lo spazio ristretto può accentuare il problema, specie se il viaggio dura più di 3 ore.

Chi sono i soggetti più a rischio?

Se non si interviene preventivamente, la malattia venosa cronica può portare con sé complicanze come la trombosi venosa. Ricordiamo che questi disturbi sono ancora più frequenti nei seguenti soggetti:

  • donne che assumono la pillola anticoncezionale o una terapia ormonale in menopausa
  • persone che hanno già sofferto di malattie venose o di vene varicose 
  • persone in sovrappeso
  • fumatori
  • donne in gravidanza

I consigli per prevenire la trombosi venosa in viaggio

Ecco allora come ridurre la pesantezza alle gambe durante i viaggi ed evitare le complicanze della malattia venosa cronica agli arti inferiori.

In auto, facciamo soste frequenti e camminiamo per qualche minuto, magari sulle punte dei piedi e poi sui talloni.

Indossiamo scarpe e vestiti comodi, evitando tacchi alti o scarpe piatte. Possono essere utili le calze a compressione graduata. Evitiamo inoltre indumenti stretti all’inguine.

In aereo, alziamoci frequentemente per sgranchirci le gambe: evitiamo i posti centrali e vicini al finestrino, poiché la pressione all’interno della cabina può facilitare la formazione di rigonfiamenti su caviglie e polpacci. Inoltre quando siamo seduti teniamo i piedi leggermente sollevati da terra sul poggiapiedi per dar loro sollievo.

Beviamo molta acqua prima e durante il viaggio, evitando alcolici e caffè.

Prima e durante il viaggio preferiamo cibi poveri di sale, causa di ritenzione di liquidi. Preferiamo invece frutta fresca e verdure a foglia verde, caratterizzate da proprietà diuretiche.

Durante i lunghi viaggi, eseguiamo da seduti alcuni semplici esercizi per le gambe: flettiamole verso l’addome, portando le ginocchia al petto, e contraiamo ritmicamente i polpacci.

Se sentiamo le caviglie gonfie, massaggiamole delicatamente e con movimenti lenti.

Prima di partire, programmiamo una visita dall'angiologo.