Le emorroidi, sappiamo cosa sono?

Le emorroidi sono un disturbo diffusissimo in tutti i Paesi industrializzati, anche se i pazienti spesso non ne conoscono a fondo le cause. Attorno alle emorroidi circolano ancora molti falsi miti. Prima di tutto, dire "ho le emorroidi" non è corretto: tutti le abbiamo, anche in condizioni normali. Meglio infatti parlare di "malattia emorroidaria", una condizione caratterizzata dall'ingrossamento di questi cuscinetti spugnosi costituiti da vene che si trovano dentro al canale anale.

Le emorroidi si possono distinguere in:

interne - si formano all'interno e normalmente non sono visibili, ma nella malattia possono fuoriuscire all'esterno dell'ano

esterne - si sviluppano vicino all'ano e sono quindi osservabili abbastanza facilmente

A cosa servono le emorroidi e perché si ingrossano

In condizioni di salute la loro funzione è quella di chiudere ermeticamente l’ano, migliorando così la continenza. Il disturbo vero e proprio si verifica quando le emorroidi, per varie ragioni, si gonfiano e prolassano fino ad uscire all'esterno. Solo quando sono ingrossate, infatti, provocano fastidio, dolore, bruciore, prurito e spesso sanguinamento. Possono essere accompagnate da complicazioni e comorbidità come ragadi o eczema.

Come si manifesta la malattia emorroidaria?

Il gonfiore delle emorroidi con relativo prolasso è una conseguenza dell'infiammazione delle vene emorroidali, che percorrono il canale anale, ed è spesso accompagnato dalla formazione di trombi o coaguli di sangue che peggiorano i sintomi. Le cause della malattia emorroidaria sono diverse:

Colpa dello stress?

Spesso anche lo stress conta. Quando siamo tesi lo sfintere anale, che è un muscolo, tende a stringersi involontariamente aggravando lo strangolamento delle emorroidi all’esterno: sono le cosiddette crisi emorroidarie acute. Non stupisce quindi che la patologia sia più frequente nei Paesi dove la vita è più frenetica e stressante.

Miglioriamo alimentazione e stile di vita

Non solo, le emorroidi sono più frequenti nei Paesi in cui l’alimentazione è povera in frutta e verdura. Una dieta scarsa di scorie può causare feci dure, che richiedono sforzo per essere espulse con maggior rischio di fuoriuscita delle emorroidi.

Oltre a introdurre fibre e acqua, è inoltre importante praticare una moderata attività fisica e curare l'igiene intima evitando prodotti aggressivi per le mucose.