Emorroidi: principali trattamenti

Ho le emorroidi? Quindi mi dovrò operare. Troppo spesso crediamo che soffrire di questo fastidioso disturbo significhi dover ricorrere per forza alla chirurgia. Falso: esistono molte terapie conservative che, grazie all'uso di trattamenti locali e prodotti, ci consentono in diversi casi di non dover andare sotto i ferri.

Quando la chirurgia non serve

Se non occorre l'intervento, è possibile curare le emorroidi così:

  1. Fibre e liquidi. Assumere più frutta e verdura, nonché bere almeno due litri di acqua al giorno è utile a regolarizzare la funzione intestinale, ammorbidendo le feci. Quando è presente stitichezza e le feci sono dure, il dolore all'evacuazione aumenta e così pure il rischio di sanguinamento e di peggioramento. Utile la fibra di Psyllium sotto forma di integratori.

  2. Attività fisica: migliora la funzione intestinale e riduce lo stress, causa di eccessiva tensione muscolare a livello anale.

  3. Impacchi lenitivi di acqua tiepida.

  4. Trattamenti localianestetici, antinfiammatori ed emollienti oltre alle formulazioni con vaselina da usare prima di ogni evacuazione, per lubrificare il canale anale.

  5. Medicinali per via orale: a base di flavonoidi, hanno un effetto protettivo per le vene.

  6. Antidolorifici via orale: su indicazione medica possono essere utili farmaci antinfiammatori e cortisonici.
Trattamenti locali